Decreto Dignità: pubblicato in Gazzetta Ufficiale
16 luglio 2018

postato in: Ultime notizie

Sabato 14 luglio è entrato ufficialmente in vigore Decreto Dignità con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale – n. 161 del 13 luglio 2018 – che ha confermato per i contratti a termine quanto anticipato in precedenza.

Contratti a tempo determinato: cosa cambia?

  • la durata massima scende da 36 a 24 mesi e potrà essere rinnovato al massimo per 4 volte;
  • la stipula del contratto può essere “acausale” fino a 12 mesi, mentre per i rinnovi sono reintrodotte le causali (esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell’attività ordinaria, necessità temporanee e oggettive, estranee all’attività ordinaria o per necessità di sostituire lavoratori assenti per ferie, ad esempio);
  • oltre all’aliquota contributiva dell’1,4 % per il finanziamento della Naspi, è previsto un contributo previdenziale aggiuntivo pari allo 0,5 % per ogni rinnovo (raggiungendo così l’1,9 % di contributo addizionale).

Invece, le attività stagionali non subiranno alcuna modifica a seguito dell’introduzione del Decreto Dignità.

Sono state modificate anche le indennità riconosciute ai lavoratori che vengono ingiustamente licenziati: da 24 a 36 mensilità.

Le novità introdotte sono applicabili ai contratti a tempo determinato stipulati dopo l’entrata in vigore del D.L. 87/2018 e ai rinnovi e alle proroghe dei contratti in corso alla data di entrata in vigore.

Al contratto di somministrazione è applicata la disciplina del contratto a termine, a esclusione della disciplina sui limiti massimi di contingentamento e del diritto di precedenza.

I Consulenti dello Studio sono a disposizione per ulteriori approfondimenti 

 0321.338135 – 0321.338115