La formazione obbligatoria dei lavoratori: chi, quando, come?
7 febbraio 2018

postato in: Ultime notizie

La formazione obbligatoria dei lavoratori in tema di salute e sicurezza sul lavoro è un obbligo in capo al Datore di Lavoro o suo delegato, previsto dal Testo Unico sulla Sicurezza (D.Lgs. 81/2008) e definito dagli Accordi Stato-Regioni.

Chi sono i destinatari della formazione?

Tutti i lavoratori di qualsiasi settore aziendale, così come definito dall’art. 2 del D.Lgs. 81/2008. Nello specifico, il testo unico sulla sicurezza prevedere le seguenti figure della sicurezza:

Lavoratore: “persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un’attività lavorativa nell’ambito dell’organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un’arte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari.”

Preposto: persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa.

Dirigente: “persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali alla natura dell’incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l’attività lavorativa e vigilando su di essa.”

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS): “persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro”.

Quando va effettuata?

La formazione va effettuata alla costituzione di nuovo rapporto di lavoro o inizio di utilizzazione in caso di somministrazione di lavoro, anteriormente o contestualmente all’assunzione e comunque non oltre 60 giorni dall’assunzione, dimostrando di avere già avviato il percorso formativo. La formazione deve essere inoltre prevista nel caso di cambio mansione, introduzione di nuove attrezzature, tecnologie, sostanze o preparati pericolosi.

Dove può essere svolta?

La formazione può avvenire:

– presso l’azienda;

– presso la sede del soggetto formatore;

– presso il domicilio del lavoratore nel caso di formazione in modalità e-learning.

In ogni caso la formazione va erogata sempre in orario di lavoro e senza oneri a carico del lavoratore.

Come sono strutturati i corsi di formazione?

La formazione è strutturata come da tabella sottostante:

 Durata (ore)Modalità di erogazione consentitePeriodicità aggiornamento (anni)Durata corso di aggiornamento (ore)
Formazione Generale (per tutti i settori ATECO)4E-learning
Frontale
Webinar
Credito formativo permanente -
Formazione Specifica – Rischio Basso (aziende/mansioni lavorative a rischio basso)4E-learning
Frontale
Webinar
56
Formazione Specifica – Rischio Medio
(aziende/mansioni lavorative a rischio medio)
8Frontale
Webinar
56
Formazione Specifica – Rischio Alto
(aziende/mansioni lavorative a rischio alto)
12Frontale
Webinar
56
Preposti8E-learning
Frontale
56
Dirigenti16E-learning
Frontale
Webinar
56
Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)32Frontale
Webinar
14 oppure 8

Quali sono le sanzioni in caso di inadempienza?

L’arresto da 2 a 4 mesi o l’ammenda da € 1.315,20 a € 5.699,20 a carico del Datore di Lavoro e/o dei Dirigenti (ai sensi del D.Lgs. 81/08, art. 55 comma 5 lettera c).

 

I Consulenti dello Studio sono a disposizione per ulteriori informazioni 

sicurezzalavoro@studiomiazzo.it

 0321.338135