Riforma del lavoro – Legge 92/2012
20 luglio 2012

postato in: Ultime notizie

CONVALIDA DIMISSIONI E RISOLUZIONE CONSENSUALE

A partire dal 18/7/2012 l’efficacia delle dimissioni presentate dal lavoratore dipendente, sarà sospesa fino a quando le stesse non saranno convalidate.  
La convalida è obbligatoria anche in caso di risoluzione consensuale.
Le dimissioni o la risoluzione consensuale potranno essere convalidate in alternativa:

  • presso la Direzione territoriale del lavoro ( ex Dpl ) o presso il Centro provinciale per l’impiego o sedi individuate dai contratti nazionali di lavoro
  • apponendo una dichiarazione specifica di conferma delle dimissioni in calce alla ricevuta di trasmissione della comunicazione di cessazione del rapporto di lavoro inviata al Centro provinciale
  • per l’impiego, entro i previsti 5 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro

L’invito al lavoratore per la convalida deve essere trasmesso entro 30 giorni in caso contrario, le dimissioni sono prive di effetto e il rapporto resta in essere.
Il lavoratore nei 7 giorni successivi alla ricezione della comunicazione può recarsi per la convalida presso la Dtl o Centro per l’impiego, oppure sottoscrivere la ricevuta della comunicazione.  
Se il lavoratore non aderisce all’invito per la convalida, decorsi sette giorni, il rapporto si considera risolto alla data stabilita.
Il lavoratore revoca le dimissioni dandone comunicazione al datore di lavoro: in questo caso il rapporto di lavoro riprende a tutti gli effetti a partire dal giorno successivo alla revoca.
Sono confermate le norme già in essere riguardanti la conferma delle dimissioni presso la DTL per dimissioni o risoluzione consensuale durante la gravidanza e durante i primi tre anni di età del bambino.
Nello specifico, per le aziende che hanno affidato  la gestione del servizio collocamento allo Studio,  sarà quest’ultimo a provvedere agli adempimenti di legge inviando – per conto dell’azienda – una raccomandata all’indirizzo noto del lavoratore con la quale richiedere la convalida delle dimissioni/risoluzione consensuale (si allega  fac-simile di comunicazione).  All’invito il lavoratore potrà lasciar trascorrere  i predetti sette giorni confermando così in modo tacito le proprie dimissioni.
Le aziende che invece gestiscono direttamente il servizio collocamento dovranno – oltre alla comunicazione obbligatoria di cessazione – chiedere al lavoratore la convalida dell’atto mediante sottoscrizione in calce alla comunicazione obbligatoria di cessazione di apposita dichiarazione  “il sottoscritto ha rassegnato in data **/**/**** volontariamente le proprie dimissioni come da lettera consegnata al datore di lavoro ed intende con la presente convalidare l’atto unilaterale di recesso. Firma”).

Fac-simile di comunicazione

In seguito alla cessazione del rapporto di lavoro intercorso con l’azienda X, La invitiamo ai sensi della legge 92/2012 a recarsi in azienda per la convalida delle dimissioni/risoluzione consensuale entro 7 giorni  dal ricevimento della presente raccomandata.
In caso contrario il rapporto di lavoro si intenderà comunque risolto ad ogni effetto legale e contrattuale.
Distinti saluti.

Sono previste sanzioni ad hoc da € 5.000,00 a € 30.000,00 per il datore di lavoro che abusi del foglio firmato in bianco dal lavoratore per simularne le dimissioni o la risoluzione consensuale.

Lo Studio rimane a completa disposizione delle spett.li aziende per qualunque chiarimento si rendesse necessario in materia.