Politiche attive

Le Politiche Attive per il lavoro sono iniziative, misure, programmi ed incentivi volti a favorire l’inserimento/reinserimento nel mondo del lavoro. Sono istituite da organismi nazionali o regionali e si rivolgono a cittadini, lavoratori, disoccupati e percettori di misure di sostegno al reddito, che vengono presi in carica dai “servizi accreditati”, profilati ed accompagnati in un percorso finalizzato alla ricerca di occupazione che passa anche attraverso azioni di orientamento, formazione, riqualificazione e ricollocazione.

Ne sono un esempio il programma Garanzia Giovani e l’assegno di ricollocazione.

Tali attività sono coordinate dall’ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) ed eseguite dai servizi accreditati tra cui la nostra Fondazione.

Fonte: Fondazione Consulenti per il Lavoro

 

Lorenzo Miazzo, iscritto all’albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Novara dal 1980, è Consulente delegato, con delega n. NO02264FL, della Fondazione Consulenti per il Lavoro, agenzia del lavoro autorizzata ai sensi del D.Lgs n. 276/2003 e smi con autorizzazione ministeriale n. 19009/2007.

Il servizio offerto si prefigge lo scopo di incrociare domanda ed offerta di lavoro e si rivolge sia alle persone che alle imprese, con informazioni e servizi di supporto.
Le persone in cerca di occupazione, nel caso abbiano necessità di adeguare le proprie competenze ai fabbisogni espressi da imprese e aziende, possono essere orientate verso adeguate misure di politica attiva per il lavoro, cioè iniziative volte a favorire l’inserimento o reinserimento nel lavoro che richiedono la partecipazione attiva della persona. Ai datori di lavoro viene quindi assicurato il soddisfacimento dei fabbisogni di competenze, incrociando la loro domanda di lavoro con le caratteristiche dell’offerta disponibile.

Presso la sede di Via Bovio, 6 a Novara, è possibile ricevere assistenza ed orientamento, a titolo gratuito, sulle misure di Politica Attiva del lavoro in Piemonte e sulle possibilità di mobilità, in tutta Italia, per disoccupati e percettori di misure di sostegno al reddito (politiche passive del lavoro), come la NASPI.