Regolarizzazione colf, badanti e agricoli
4 Giugno 2020

postato in: Coronavirus, Ultime notizie
tempo di lettura: < 1 minuto

Entro il prossimo 15 luglio è possibile presentare la domanda per regolarizzare rapporti di lavoro con cittadini italiani o extracomunitari instaurati prima dell’8 marzo 2020, in modalità telematica tramite l’apposita pagina dedicata del servizio on line INPS.

Destinatari della norma sono i soli datori di lavoro la cui attività rientra nei seguenti settori :

  • assistenza alla persona per se stessi o per componenti della propria famiglia: badante;
  • lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare: colf;
  • agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse.

La regolarizzazione prevede il versamento di un contributo di €. 500,00 per ogni lavoratore regolarizzato mediante mod. F24.

Per la regolarizzazione, il datore di lavoro deve possedere un reddito imponibile non inferiore a € 20.000,00 che diventano € 27.000,00 in presenza di nucleo famigliare.

In caso di esito positivo, all’accoglimento della domanda di emersione, i datori di lavoro provvederanno a effettuare gli adempimenti informativi e i versamenti contributivi relativi ai lavoratori interessati, secondo le indicazioni che saranno fornite con successiva circolare.

Un’altra possibilità riguarda i cittadini stranieri con permesso di soggiorno scaduto il 31/10/2019 e non rinnovato o convertito in altro titolo di soggiorno – anche in presenza di scadenza avvenuta anni prima.

Questi cittadini potranno presentare domanda di permesso di soggiorno della durata di 6 mesi alla Questura tramite gli uffici postali.

La documentazione ritenuta valida per la dimostrazione di un rapporto di lavoro nel periodo antecedente al 31/10/19 riguarda: certificato del Centro per l’impiego, cedolino paga, estratto contributivo, ecc.

Il permesso di soggiorno potrà essere convertito alla scadenza in permesso per motivi di lavoro.


I Consulenti dello Studio Miazzo sono a disposizione per ulteriori approfondimenti.