Assegno Unico 2023: riconoscimento automatico e modalità di pagamento

Assegno Unico 2023: riconoscimento automatico e modalità di pagamento

Con la Legge 197/2022 e la circolare Inps 41/2023 si segnala che gli aumenti previsti per l’Assegno Unico Universale saranno riconosciuti in forma automatica e con effetto retroattivo da gennaio 2023; la più recente nota dell’Inps indica inoltre le nuove modalità di pagamento dell’assegno.

  • Gli importi degli assegni che non hanno subito variazioni rispetto al mese precedente saranno pagati dal 10 al 20 del mese;
  • Dal 20 al 30 del mese saranno versati invece gli importi per le nuove domande effettuate nel mese precedente e gli assegni che, nel medesimo periodo, avranno subito variazioni legate ad eventuali modifiche delle condizioni Isee dei beneficiari.

La circolare 41, in questo senso, chiarisce quali sono le modalità e gli importi in base alle diverse casistiche:

Figli minori di un anno

I nuclei familiari comprendenti figli con meno di un anno di età potranno beneficiare dell’incremento del 50% dell’assegno.

Es. Famiglia con Isee pari a 15.000 euro con due bambini (di cui nessuno disabile), uno di 14 anni e l’altro minore di un anno: a gennaio 2023, l’importo dell’assegno per il secondo figlio passerà da 175 euro mensili a 283,80, mentre rimarrà invariato a 189,20 quello per il figlio di 14 anni.

Nuclei numerosi

Per le famiglie con Isee non superiore a 43.200 euro e tre (o più) figli a carico, per i figli di età compresa tra uno e tre anni, è previsto un incremento dell’assegno unico del 50%. Se prevista, vi è anche da considerarsi la maggiorazione di 67 euro per i figli successivi al secondo mentre, in caso di nuclei con 4 o più figli a carico, la maggiorazione di 100 euro aumenta a 150.

Es. Famiglia con Isee di 25.000 euro con tre figli (di cui nessuno disabile), uno di 25 anni e convivente con i genitori, uno di 14 anni e uno di 2 anni; per il primo figlio non viene erogato l’assegno familiare, per il secondo l’importo dell’assegno corrisponde a 144,90 euro e per il terzo passa da 144,90 a 217,35 euro al mese.

Figli disabili

La legge di bilancio, in questo caso, è intervenuta in modo definitivo su alcune previsioni transitorie: infatti, da gennaio 2023, i nuclei familiari con Isee inferiore o uguale a 16.215 euro e con figli disabili (a prescindere dall’età degli stessi), avranno diritto a un assegno con importo massimo di 189,20 euro; le maggiorazioni previste in base al livello di disabilità per i figli maggiorenni fino ai 21 anni sono equiparabili a quelle dei figli minorenni. Vi è anche da considerare che l’incremento dell’assegno, per i nuclei con figli disabili, rimarrà invariato a 120 euro, senza graduali riduzioni.

Es. Famiglia con Isee di 20.000 euro e con 3 figli, di cui due minorenni di età superiore ai 3 anni, uno dei quali con disabilità grave, e uno maggiorenne, studente universitario e di età inferiore ai 21 anni; l’assegno mensile sarà pari a 82,60 per il figlio maggiorenne e169,70 per ciascun figlio minorenne, a cui andranno ad aggiungersi 102,70 euro per il figlio con disabilità e 81 euro di maggiorazione per il terzo figlio. Il totale sarà dunque di 605,70 euro, a cui si potranno aggiungere ulteriori 120 euro di incremento per la presenza nel nucleo familiare di un figlio disabile.

ARTICOLI CORRELATI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SUL MONDO DEL LAVORO!

Accesso a Magnacarta / Sezione Documenti di PeopleWork

Si comunica che i problemi di accesso all’applicativo Magnacarta, in versione web e all’interno di PeopleWork, sono stati risolti e tutte le funzionalità sono state ripristinate correttamente.

Questo si chiuderà in 1 secondi